abc-transportsweb.net




Alternative Medicines






Home
News
Earth
News
Air
News
Sea


Home » News » Utility info » INQUINAMENTO in aumento per i Trasporti

INQUINAMENTO in aumento per i Trasporti

Trasporti inquinano sempre di più in Europa


Roma, 28 apr. 2010 (Apcom-Nuova Energia) -
Il settore dei trasporti nell'Unione Europea è sempre più inquinante e le tecnologie più ecocompatibili stanno addirittura perdendo terreno sul mercato.
La conseguenza è un forte aumento delle emissioni di gas serra dovute ai trasporti interni alla UE, che sono cresciute del 28% fra il 1990 e il 2007, e ora rappresentano il 19,3% di tutte le emissioni europee. I dati sono contenuti nel rapporto "Towards a resource-efficient transport system", pubblicato dall'Agenzia Europea dell'Ambiente (AEA). Secondo l'Agenzia, la responsabilità è in buona parte dei trasporti commerciali su strada e per via aerea, cresciuti del 43% fra il 1997 e il 2007.

Perdono terreno tecnologie ecocompatibili
Nello stesso periodo sono diminuite le quote di mercato dei trasporti commerciali meno inquinanti, come ferrovie e navigazione. Il problema è stato aggravato soprattutto con l'entrata nell'Unione Europea dei Paesi dell'Europa centro-orientale, dotati spesso di cattivi collegamenti ferroviari con i Paesi occidentali. Anche la mobilità individuale contribuisce fortemente alle emissioni: l'automobile resta il mezzo di trasporto più usato in Europa, con il 72% di tutti i chilometri percorsi. Il trasporto passeggeri per via aerea aumenta i del 48% ogni 10 anni, mentre quello ferroviario fra il 1997 e il 2007 è crollato nell'Europa centro-orientale ed è rimasto stabile nell'Europa occidentale.
"Da questa analisi risulta chiaro che il settore dei trasporti sta ancora andando in una direzione totalmente insostenibile", ha commentato Jos Dings, direttore dell'associazione ambientalista Transport and Environment. Secondo Dings "il modo migliore per uscire da questa crisi è istituire un sistema di pedaggi stradali e tagliare tutti i sussidi ai trasporti più inquinanti". Copyright APCOM (c) 2008

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>


La strategia europea per la mobilità sostenibile

Definite le linee guida comuni a tutti i 27 paesi della Ue relative alle auto elettriche e alle tecnologie verdi in generale

trasporto sostenibile. L'obiettivo è anche quello di favorire la ripresa economica del settore auto puntando sulle nuove opportunità offerte dalle tecnologie verdi. "Nel 2010 l'industria automobilistica entra in una fase decisiva per la sua riuscita" ha detto Antonio Tajani, Vicepresidente della Commissione europea per l'industria e l'imprenditoria, alla presentazione della strategia europea. "Senza un forte lavoro di standardizzazione, credo che sarà difficile sviluppare un mercato per le auto elettriche". Ha poi aggiunto: "Il piano non è un concetto astratto ma un elenco di 40 azioni pratiche".

Le misure che la Commissione dovrà attuare nei prossimi anni sono rivolte a migliorare l'efficienza dei motori convenzionali e ad assicurare ai consumatori europei una mobilità a bassissime emissioni di CO2. Grande attenzione è stata posta sull'elettrico, dal momento che alcuni paesi (come la Danimarca e la Spagna) ed aziende europee ma soprattutto aziende americane ed asiatiche sono molto avanti con lo sviluppo di questa tecnologia, che necessita di standard comuni richiesti da tempo.

Veicoli elettrici

Le azioni specifiche per questo tipo di veicoli hanno lo scopo di assicurarne la sicurezza, che dovrà essere paragonabile a quella delle auto convenzionali. Le regole comuni a riguardo saranno pronte per il 2012 mentre le norme che consentiranno la ricarica su tutto il territorio europeo dovrebbero essere pronte nel 2011. A questo proposito Tajani ha commentato: "E' importante per i cittadini europei poter varcare i confini nazionali e poter ricaricare le proprie auto".

Ma la strategia punta anche ad incoraggiare l'installazione di punti di ricarica pubblici e a promuovere lo sviluppo di reti intelligenti. Si cercherà di regolarizzare anche il riciclaggio e lo smaltimento delle batterie.

Non solo elettrico

La Commissione vuole stabilire anche un nuovo quadro normativo che regolamenterà i requisiti di omologazione per motocicli e quadricicli leggeri e il cosiddetto "marketing verde". La ricerca nelle tecnologie verdi assume un peso importante: l'Europa metterà a disposizione i fondi della banca europea e finanzierà progetti di ricerca secondo una strategia mirata.

Verrà facilitata la comprensione del mercato e una più corretta informazione per i consumatori: viene promosso un progetto che valuti le aspettative dei consumatori e i comportamenti d'acquisto ma anche una "etichettatura" dei veicoli. Si lavorerà per nuove disposizioni in materia di incentivi e tassazione sull'energia.

La UE sollecita poi la creazione di una rete di osservatori nazionali sull'occupazione legata all'Automotive. Infine viene auspicata una revisione della legislazione sulle emissioni di CO2 con standard più stringenti per le autovetture nuove e per i veicoli commerciali.

Le reazioni

Gli ambientalisti in Italia e in Europa, da sempre vicini a queste tematiche, hanno accolto positivamente la nuova strategia europea, ma hanno comunque ribadito l'importanza che l'energia provenga da fonti rinnovabili e che ai proclami seguano poi leggi concrete. "Senza una legislazione ambiziosa, i concorrenti di Asia e America avranno il vantaggio della prima mossa" ha commentato Franziska Achterberg, responsabile trasporti di Greenpeace.

"Le parole costano poco - ha detto Jos Dings, dell'associazione T&E per i trasporti sostenibili - ma la Commissione ha mostrato in passato la tendenza a perdere fermezza quando arriva a fare le proposte normative, come quando ad ottobre ha fissato obbiettivi ridotti riguardo la CO2 dei furgoni".

By Andrea Tomelleri  - 29/04/2010

 

motori.it




We are not responsible of the correctness and of the solvency of the advertisers of our network. Because of the mutable circumstances and of the complex nature of the information within the logistic and the transport the Publisher of the Portal, will not be responsible for all actions undertaken form the readers, regarding the furnished information and for the updating of the data furnished by the single advertisers.


Webmaster - Copyright © 1998, concessionaire: I.P. ELMORIANA LTD - All rights reserved